sabato 18 maggio 2013

Il Piccolo Principe

Il Piccolo Principe


Se tu vuoi bene a un fiore che sta in una stella è dolce,

la notte guardare il cielo. Tutte le stelle sono fiorite.

Gli uomini hanno delle stelle che non sono le stesse.

Per gli uni, quelli che viaggiano, le stelle sono delle guide.

Per gli altri non sono che delle piccole luci.

Per gli altri, che sono dei sapienti, sono dei problemi.

Per il mio uomo d'affari erano dell'oro. Ma tutte queste stelle stanno zitte.

Tu avrai delle stelle come nessuno ha....

Quando tu guarderai il cielo, la notte, visto che io abiterò in una di esse,

visto che io riderò in una di esse, allora sarà come se tutte le stelle ridessero.

tu avrai, tu solo, delle stelle che sanno ridere!

E quando tu sarai consolato (ci si consola sempre), sarai contento di avermi conosciuto.

Sarai sempre al mo fianco. Avrai voglia di ridere con me.

E aprirai a volte la finestra, così, per piacere e i  tuoi amici saranno

stupiti di vederti ridere guardando il cielo.

Allora tu dirai: "Si, le stelle mi fanno ridere". E ti crederanno pazzo.

T'avrò fatto un brutto scherzo...

Sarà come se t'avessi dato, invece delle stelle,

mucchi di sonagli che sanno ridere.


(Antoine Marie Roger de Saint-Exupéry)




Nessun commento:

Posta un commento