sabato 13 luglio 2013

Amore e collaborazione




Un fedele si rivolse al profeta Elia per avere un’idea cosa fosse l’inferno e il paradiso. Il profeta Elia non rispose ma gli volle far fare un’esperienza; lo condusse in un luogo dove tutti erano infuriati perché ognuno poteva mangiare solo con un cucchiaio lungo due metri che si poteva impugnare solo dall’estremità. Nessuno riusciva a mangiare perché il manico del cucchiaio era molto più lungo del braccio. Col tempo la situazione peggiorava perché aumentava la fame, ognuno si versava la minestra calda addosso e, se non prendevano il cucchiaio dall’estremità, si scottavano. La tensione nervosa portava a furibonde baruffe: alcuni si picchiavano col cucchiaio, altri si scagliavano l minestra e altri ancora erano pieni di scottature. Il profeta Elia disse al fedele: “Questo è l’inferno”. Poi, il profeta Elia condusse il fedele in un altro posto e gli disse: “questo è il paradiso”. In effetti, si trattava di una situazione sostanzialmente identica: ognuno doveva mangiare la solita minestra con un cucchiaio lungo due metri che si poteva impugnare solo dall’estremità. La grande differenza stava nella calma, serenità e tranquillità che regnava in questo posto. Perché?  Perché uno dava da mangiare all’altro.


Nessun commento:

Posta un commento